Bandi e gare

Comunicazione agli studenti, alle loro famiglie e a tutti gli interessati
Mercoledì 09 Gennaio 2019
Si comunica alle studentesse, agli studenti, alle loro famiglie e a tutti gli interessati che i locali del nostro edificio scolastico, in particolare quelli ubicati al primo piano, sono stati oggetto la scorsa notte di gravi atti di vandalismo con... Leggi tutto...
Avviso selezione personale ATA Scuola Viva III annualità 2018/2019
Venerdì 21 Dicembre 2018
Si pubblica, in allegato, l'avviso per la selezione personale ATA Scuola Viva III annualità 2018/2019.
Diffusione iniziale Progetto "Scuola Viva" a.s. 2018/19
Venerdì 21 Dicembre 2018
Si pubblica, in allegato, la diffusione iniziale Progetto "Scuola Viva" a.s. 2018/19
Indice di tempestività 2018
Giovedì 03 Maggio 2018
Si pubblicano, in allegato gli indicatori dei tempi medi di pagamento (art. 9 DPCM 22/09/2014):a) 1° trimestre anno 2018 b) 2° trimestre anno 2018 c) 3° trimestre anno 2018
Bando borse di studio 2017/2018 - #iostudioRegioneCampania
Martedì 13 Marzo 2018
Il termine per presentare istanza di borsa di studio è stato prorogato alle ore 13 del 30 marzo 2018. La Regione Campania mette a disposizione 12.830 borse di studio, del valore di 400 euro ciascuna, per l’anno scolastico 2017/2018, da utilizzare... Leggi tutto...
DSCN7221.JPG

Avvisi e comunicazioni

Servizio “Carta dello Studente - IoStudio”: attivazione delle funzionalità Postepay – Importanti aggiornamenti
Lunedì 14 Gennaio 2019
In considerazione delle nuove norme europee in materia di contrasto al riciclaggio e al finanziamento del terrorismo, con la presente si comunica che... Leggi tutto...
Avviso ai docenti – Comunicazioni dirigenziali
Lunedì 14 Gennaio 2019
Si pubblicano, in allegato, le sintesi delle comunicazioni dirigenziali: n. 39, riguardante i Dipartimenti per classi di concorso Gennaio 2019 n.... Leggi tutto...
Avviso ai docenti – Comunicazioni dirigenziali
Martedì 08 Gennaio 2019
Si pubblicano, in allegato, le sintesi delle comunicazioni dirigenziali: n. 37, riguardante i Consigli di classe Scrutini Primo Quadrimestre 2019 n.... Leggi tutto...
Aspettando il Natale
Lunedì 24 Dicembre 2018
Delle tradizioni letterarie e figurative intorno al Natale parlavo spesso con Romeo De Maio, mio maestro, che puntualmente mi invitava a servirmi... Leggi tutto...
In ricordo del prof. Romeo De Maio
Lunedì 17 Dicembre 2018
Cari amici, cari colleghi, è con grande tristezza che comunico la morte, avvenuta questa mattina, di Romeo De Maio, storico dell’età moderna e... Leggi tutto...
Comunicazione agli studenti e alle loro famiglie - Cineforum Progetto Plazaforum
Sabato 08 Dicembre 2018
Si ricorda che il giorno 10 dicembre ci sarà la terza proiezione prevista nell’ambito del progetto Plazaforum. Si ricorda che le classi del... Leggi tutto...
Comunicazione agli studenti ed alle loro famiglie - Assemblea d'Istituto Dicembre 2018
Giovedì 06 Dicembre 2018
Si comunica alle SS. LL. che il giorno martedì 11 dicembre 2018, regolarmente autorizzata, si svolgerà l’assemblea d’Istituto. Alle ore 10.00... Leggi tutto...
Comunicazione agli studenti e alle loro famiglie
Martedì 04 Dicembre 2018
Si comunica alle famiglie degli studenti che, a seguito di atti di vandalismo compiuti in data odierna, particolarmente nei locali e nei corridoi... Leggi tutto...

Accedi come utente

postacertdenicolatrasp

 

alternanza scuola lavoro
 

locandina cic 2016.2017
 

atti e documenti  

logo_eipass piccolo
 

logo orientamento open day 3
 

test trialling centre 2018 logo
 

foto prog ed alimentare elaborati alunni  

 

copertina book game pon pag 1
 

Enrico De Nicola

Enrico De Nicola1877 Napoli - 1959 Torre del Greco 
                                                       
Laureato in Giurisprudenza, si è dedicato alla professione forense diventando nel corso degli anni uno dei maggiori avvocati penalisti italiani.
Venne eletto deputato nel 1909; fu  Presidente della Camera tra íl 1920 e il 1923 e senatore a vita dal 1929.
Durante il fascismo, si è ritirato dalla vita politica attiva e si è dedicato esclusivamente all'esercizio della professione forense.
Riprese l'attività politica nel 1943, svolse l'opera di  mediazione tra il Re e i partiti antifascisti.
Membro della Costituente, fu dal 28 giugno 1946 capo provvisorio dello Stato e dal 1 ° gennaio 1948 primo Presidente della Repubblica.
L'11 maggio 1948, allo scadere del mandato non accettò la rielezione.
Fu ancora Presidente del Senato e della Corte Costituzionale (1955-1957).

 
Servizio “Carta dello Studente - IoStudio”: attivazione delle funzionalità Postepay – Importanti aggiornamenti PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 14 Gennaio 2019 20:16

In considerazione delle nuove norme europee in materia di contrasto al riciclaggio e al finanziamento del terrorismo, con la presente si comunica che per attivare le funzionalità “Postepay” associabili alla Carta dello Studente “IoStudio” è stata implementata una nuova procedura di attivazione che richiede l’identificazione del titolare della Carta.

Di seguito si forniscono tutti i dettagli da comunicare agli studenti e alle rispettive famiglie.

Studenti che non hanno ancora attivato la Carta IoStudio come strumento di pagamento Postepay.

Si comunica che è nuovamente possibile attivare la carta dello studente IoStudio come carta prepagata “Postepay nominativa”.

Per attivare la Carta come strumento di pagamento occorre seguire questi passi:

  1. accedere al Portale dello Studente https://iostudio.pubblica.istruzione.it/web/studenti/primoaccesso, dove saranno disponibili le istruzioni per completare il “Primo Accesso” e ottenere le credenziali di accesso in Area Riservata;
  2. richiedere l’emissione del PIN tramite la funzione appositamente dedicata nell’Area Riservata del Portale dello Studente dopo avere effettuato il “LOGIN”;
  3. completare l'attivazione con la procedura di identificazione presso un Ufficio postale. Dopo aver richiesto il PIN, è necessario recarsi presso un Ufficio postale accompagnati da un genitore, con un documento d'identità in corso di validità e il codice fiscale dello studente e del genitore. Per gli studenti maggiorenni non è necessaria la presenza del genitore.

Per maggiori informazioni sulle funzioni e sulle condizioni di utilizzo della Carta IoStudio-Postepay è possibile consultare il Foglio Informativo della carta pubblicato nella sezione “La Carta dello Studente – La tua Prepagata” [https://www.poste.it/resources/bancoposta/pdf/trasparenza/FI_ISP.pdf].

Studenti che avevano già attivato la Carta IoStudio anche come strumento di pagamento Postepay.

Gli studenti che avevano già attivato la Carta IoStudio anche come strumento di pagamento Postepay al portatore, potranno continuare ad utilizzare le funzionalità Postepay di ricarica, prelievo e pagamento soltanto fino al 31 gennaio 2019. Dopo tale data le Carte non saranno più attive se non verranno trasformate in “Postepay nominativa”.

La trasformazione della Carta IoStudio-Postepay da prepagata al portatore a prepagata nominativa è gratuita, non prevede la sostituzione della Carta e deve essere effettuata come di seguito illustrato:

- lo studente e il genitore che lo accompagna dovranno esibire allo sportello un documento di identità in corso di validità e il codice fiscale. Per gli studenti maggiorenni non è necessaria la presenza del genitore.

In alternativa è possibile richiedere l’estinzione della Carta prepagata senza spese e con rimborso dell’importo eventualmente presente (previa presentazione del relativo “codice rimborso” riportato all’interno del foglio di accompagnamento della Carta).

Per maggiori informazioni sulle funzioni e sulle condizioni di utilizzo della Carta IoStudio-Postepay è possibile consultare il Foglio Informativo della carta pubblicato nella sezione “La Carta dello Studente – La tua Prepagata” https://www.poste.it/resources/bancoposta/pdf/trasparenza/FI_ISP.pdf].

In allegato la relativa comunicazione MIUR.

Ultimo aggiornamento Lunedì 14 Gennaio 2019 20:31
 
Avviso ai docenti – Comunicazioni dirigenziali PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Lunedì 14 Gennaio 2019 20:05

Si pubblicano, in allegato, le sintesi delle comunicazioni dirigenziali:

  • n. 39, riguardante i Dipartimenti per classi di concorso Gennaio 2019
  • n. 40, riguardante l'Alternanza Scuola Lavoro
  • n. 41, riguardante i Consigli di classe Scrutini Primo Quadrimestre 2019 - Variazioni
  • Si informa che le versioni integrali di tali comunicazioni sono consultabili nell’area riservata del sito web, all’albo dell’Istituto e sul libro delle circolari.

    Ultimo aggiornamento Lunedì 14 Gennaio 2019 20:08
     
    Comunicazione agli studenti, alle loro famiglie e a tutti gli interessati PDF Stampa E-mail
    Scritto da Administrator   
    Mercoledì 09 Gennaio 2019 13:42

    Si comunica alle studentesse, agli studenti, alle loro famiglie e a tutti gli interessati che i locali del nostro edificio scolastico, in particolare quelli ubicati al primo piano, sono stati oggetto la scorsa notte di gravi atti di vandalismo con versamento di quantità non esigue di creolina.

    Premesso che questo grave atto è attualmente trattato dagli organi di polizia giudiziaria, è doveroso informare le SS. LL. che è in atto un’operazione sistematica di bonifica dei locali scolastici ad opera di una ditta specializzata, che ultimerà i necessari interventi entro venerdì p.v.

    Pertanto, si comunica che le attività didattiche sono sospese fino a tutto venerdì e riprenderanno regolarmente e in totale sicurezza lunedì 14 gennaio p.v.

    Si precisa altresì che l’OPEN DAY previsto per domenica 13 gennaio si svolgerà regolarmente.

    Ultimo aggiornamento Mercoledì 09 Gennaio 2019 13:46
     
    Avviso ai docenti – Comunicazioni dirigenziali PDF Stampa E-mail
    Scritto da Administrator   
    Martedì 08 Gennaio 2019 19:40

    Si pubblicano, in allegato, le sintesi delle comunicazioni dirigenziali:

  • n. 37, riguardante i Consigli di classe Scrutini Primo Quadrimestre 2019
  • n. 38, riguardante gli Incontri scuola-famiglia 2
  • Si informa che le versioni integrali di tali comunicazioni sono consultabili nell’area riservata del sito web, all’albo dell’Istituto e sul libro delle circolari.

    Ultimo aggiornamento Venerdì 11 Gennaio 2019 09:53
     
    Aspettando il Natale PDF Stampa E-mail
    Scritto da Administrator   
    Lunedì 24 Dicembre 2018 19:42

    Delle tradizioni letterarie e figurative intorno al Natale parlavo spesso con Romeo De Maio, mio maestro, che puntualmente mi invitava a servirmi degli strumenti filologici, in particolare della filologia d’arte, per coglierne simboli e linguaggi. D’altra parte, lo sapeva bene il teologo Karl Barth, considerato da Pio xiiil più profondo dai tempi di Tommaso d’Aquino, che sulla Volta Sistina di Michelangelo e nelle partiture musicali di Beethoven ritrovava peculiari rivelazioni del divino.

    Al Professore, come amavo chiamarlo, devo anche l’invito a riflettere criticamente sull’autonomia di coscienza del Buonarroti, una costante nella sua opera e nel vissuto biografico, che portò il Maestro a contrapporsi per tutto l’arco della sua vita all’ideologia del potere e alla prevaricazione dell’autorità. Kant pose non a caso Michelangelo al principio della svolta, costruendo su di lui la genealogia della modernità: è il primo dei moderni, scrisse in un frammento dell’Antropologia, e il suo spirito si è reincarnato in Newton dopo essere passato per Galilei.

    Goethe, al pari di Kant, considerava Michelangelo il primo dei moderni, specialmente dopo averne ammirato a Romala Volta Sistina e i suoi simboli universali. Scoperta del Buonarroti fu la disperazione di Gesù, a cominciare dai dolorosi presentimenti dell’infanzia, per cui non deve stupire se per settantacinque anni condusse uno studio senza sosta sulla passione di Cristo. Studio portato avanti fino a tre giorni prima della morte sulla Pietà Rondanini, in cui il Maestro volle esprimere il concetto umanistico che Cristo,con il volto appena abbozzato, costituisce ricerca ininterrotta dell’individuo.

    Secondo la concezione di Michelangelo, che aveva studiato con rara intensità la natività di Gesù e la sua infanzia, muovendosi con senso critico e perizia filologica tra le fonti della fede, Cristo era stato un essere tragico secondo l’accezione umanistica, ossia tutto pervaso dalla dignitas hominis. Quella dignità dell’uomo che in questo specifico contesto significa essenzialmente libertà di pensiero e coscienza autonoma. Il protestante Barth, lettore entusiasta di Schleiermacher e Kant, mutuava proprio da Michelangelo il concetto di fides quaerens intellectum, ossia dell’intelletto che sostiene la fede, espresso particolarmente nell’oscuro e tardo disegno michelangiolesco L’adorazione dei pastori, che costituì tra l’altro il modello di un’incisione ad acquaforte e bulino di Gian Battista Franco: vi si afferma l’idea che la mente umana, accostandosi al mistero del Cristo appena nato,non contempla, ma è portata a disputare.

    Come non richiamare in questo contesto una peculiare fonte michelangiolesca come la tavola dell’Adorazione dei Magi di Leonardo, conservata agli Uffizi di Firenze: per Leonardo, al pari di Michelangelo, la disputa essenzialmente è ricerca che serve ad approfondire la fede, non mera adorazione apologetica. E i Magi vengono considerati da Michelangelo maestri del dubbio nel senso che lo comunicavano a chiunque li accostasse. È infatti motivo peculiare dell’Umanesimo concepire l’essere come un individuo-soggetto che antepone la dimensione della libertà di pensiero, di parola e di domanda all’appagamento effimero nelle autorità ordinatrici e obbliganti, scegliendo di vivere nel dubbio civile e nella parrhesia. Il che fu compreso bene proprio da Leonardo, il quale, ricordando una celebre sentenza di Orazio (Satira x, vv. 59-60), fece osservare che «Iddio ci vende tutti li beni per prezzo di fatica»(Windsor Castle, Royal Library, Leonardo da Vinci, ms. Windsor,f. 12642v).

    Nessuno come Leonardo sa introdurre alla dimensione intima del Natale d’affetto, che si serve della poesia per cogliere il mistero del divino e i suoi simboli: la Madonna dipinta sulla ricordata Tavola degli Uffizi ha consapevolezza che nulla potrà distrarla, nemmeno i Magi in processione con i loro doni; e sa anche che non potrà mai distrarre il Bambino dal suo crudele destino. È evidente l’affinità della Tavola leonardiana degli Uffizi con la Madonna di Senigallia di Piero della Francesca, esposta nella Galleria Nazionale di Urbino. In particolare, lo è per la dolorosa tenerezza mostrata da Piero verso il Cristo e per il senso della fede concepita come fatica della ricerca, più che come conforto di una certezza.

    Raffaello recupera invece il concetto natalizio del sacrificio nella Sacra famiglia con l’agnello esposta al Prado di Madrid, in cui rivela un senso profondo di angoscia nel triste presagio che il Bambino sarà sacrificato come l’agnello su cui siede a cavalcioni. Presagio che si coglie anche nella sua straordinaria Madonna Sistina,in esposizione a Dresda e posteriore di circa sei anni alla Tavola del Prado. Quello di Cristo è infatti anche un dramma umano, come il menzionato Karl Barth intuirà come pochi nel Novecento.

    Dramma umano che Caravaggio espresse magistralmente nella Deposizione di Cristo della Pinacoteca Vaticana, commissionata al Merisi non prima della primavera del 1600 (e non oltre il 1602) e realizzata per la cappella della Pietà alla Chiesa Nuova dei padri dell’Oratorio. In questo dipinto Caravaggio mostra di aver recepito in pieno le loro preferenze iconografiche e i motivi di fondo dell’erudizione filippina, ispirati al primitivismo cristiano, al corrente gusto antiquario e al pauperismo evangelico. Non è da escludere che lo stesso Cesare Baronio, padre della storiografia ecclesiastica cattolica e successore di Filippo Neri alla guida dell’Oratorio, sia stato in questo contesto un diretto interlocutore del Merisi e abbia fornito specifiche indicazioni iconografiche ai fini della formulazione della Deposizione. E non si può nemmeno escludere che il volto di Nicodemo, il quale stringe a sé Cristo morto tenendolo sollevato per le gambe, siaproprio quello del cardinal Baronio, che con le sue «historie» intendeva riscoprire su basi filologiche la purezza della Chiesa primitiva e ridarle il suo volto più autentico.

    Con questa sua tela Caravaggio riportò il dibattito intorno alla passione di Cristo sul terreno drammatico della testimonianza religiosa di vita, volendo quasi rassicurare non solo gli astanti, ma i suoi stessi conemporanei, che Gesù è prima di tutto nella storia. In sintonia con la cultura dell’Oratorio, è percepibile nel Merisi l’esigenza di rivivere nel presente la sua Passione ancorandola alla verità storica, ossia alla verità intesa come ricerca. Caravaggio si sentealla ricerca dell’umanità di Cristo e del divino nella storia. Non a caso, nella contemporaneaPresa di Cristo nell’Orto, conservata presso la National Gallery of Ireland di Dublino, volle ritrarsi con la lanterna, come Diogene.

    Auguro perciò a Voi tutti, studenti, famiglie, amici e componenti della nostra comunità educante, un Natale d’affetto, da vivere sulla scia di Michelangelo e Caravaggio nell’inquietudine etica e nella fatica della ricerca.

    Stefano Zen

    [Referenze bibliografiche: K. Barth,L’Epistola ai Romani (1922), cura, introduzione e traduzione di G. Miegge, Milano, Feltrinelli, 2009; Idem, Anselmo d’Aosta.Fides quaerens intellectum. La prova dell’esistenza di Dio secondo Anselmo nel contesto del suo programma teologico (1931), a cura di M. Vergottini, Brescia, Morcelliana, 2001; Id.,L’umanità di Dio. L’attualità del messaggio cristiano (1956), a cura e con un saggio di S. Rostagno,iii ed., Torino, Claudiana, 2010; R. De Maio, Riforme e miti nella Chiesa del Cinquecento, Napoli, Guida, 1973 (ii ed.: Napoli, Guida, 1992); Id., Michelangelo e la Controriforma, Roma-Bari, Laterza, 1978 (ii ed.: Roma-Bari, Laterza, 1981; iii ed.: Firenze, Sansoni, 1990); Id., Rinascimento lievemente narrato, Napoli, Guida, 1993; Id., Rinascimento senza toga, Napoli, Alfredo Guida, 1999; C. Dionisotti, Leonardo uomo di lettere, «Italia medievale e umanistica», 5 (1962), pp. 183-216; L. Gulia-I. Herklotz-S. Zen (a cura di), Società, cultura e vita religiosa in età moderna. Studi in onore di Romeo De Maio, Sora, Centro di Studi Sorani «Vincenzo Patriarca», 2009; I. Kant,Handschriftlicher Nachlass, vol. ii/2, Anthropologie, 2, Berlin-Leipzig, De Gruyter, 1923; G. Scarpat, Parrhesia greca, parrhesia cristiana, Brescia, Paideia, 2001; S. Zen, Baronio storico. Controriforma e crisi del metodo umanistico, prefazione di R. De Maio, Napoli, Vivarium, 1994; Id., Filologia d’arte e simbologie del Natale, in Frammenti di filosofia contemporanea, vol. xxiv, a cura di I. Pozzoni, Villasanta (MB), Limina Mentis, 2018, pp. 107-118; Id., L’età moderna di Romeo De Maio: problemi e prospettive, in Frammenti di filosofia contemporanea, vol. xxvii, a cura di I. Pozzoni, Villasanta (MB), Limina Mentis, 2018, in stampa; A. Zuccari, Caravaggio controluce. Ideali e capolavori, prefazione di M. Calvesi, Ginevra-Milano, Skira, 2011].

    Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Dicembre 2018 19:42
     
    Bandi PON - FSE "Miglioramento delle competenze chiave" 2018/2019 - Reclutamento tutor, valutatore ed esperti interni PDF Stampa E-mail
    Scritto da Administrator   
    Venerdì 21 Dicembre 2018 08:35
    Si pubblicano, in allegato, i bandi interni, con i relativi allegati, per la selezione delle seguenti figure:
    • docenti tutor
    • referente della valutazione
    • docenti esperti
    per la realizzazione del progetto: “Per una didattica delle competenze”, codice identificativo 10.2.2A-FSEPON-CA-2017-394 - Fondi Strutturali Europei - Programma Operativo Nazionale - "Per la scuola, competenze e ambienti per l'apprendimento" 2014-2020 - Obiettivo Specifico 10.2 – Miglioramento delle competenze chiave degli allievi, anche mediante il supporto dello sviluppo delle capacità di docenti, formatori e staff. Azione 10.2.1 Azioni specifiche per la scuola dell’infanzia (linguaggi e multimedialità – espressione creativa espressività corporea); Azione 10.2.2. Azioni di integrazione e potenziamento delle aree disciplinari di base (lingua italiana, lingue straniere, matematica, scienze, nuove tecnologie e nuovi linguaggi, ecc.).
    Ultimo aggiornamento Venerdì 21 Dicembre 2018 08:36
     
    Avviso selezione personale ATA Scuola Viva III annualità 2018/2019 PDF Stampa E-mail
    Scritto da Administrator   
    Venerdì 21 Dicembre 2018 08:19
    Si pubblica, in allegato, l'avviso per la selezione personale ATA Scuola Viva III annualità 2018/2019.
    Ultimo aggiornamento Venerdì 21 Dicembre 2018 08:23
     
    Diffusione iniziale Progetto "Scuola Viva" a.s. 2018/19 PDF Stampa E-mail
    Scritto da Administrator   
    Venerdì 21 Dicembre 2018 08:17
    Si pubblica, in allegato, la diffusione iniziale Progetto "Scuola Viva" a.s. 2018/19
    Ultimo aggiornamento Venerdì 21 Dicembre 2018 08:18
     
    In ricordo del prof. Romeo De Maio PDF Stampa E-mail
    Scritto da Administrator   
    Lunedì 17 Dicembre 2018 22:07

    Cari amici, cari colleghi,

    è con grande tristezza che comunico la morte, avvenuta questa mattina, di Romeo De Maio, storico dell’età moderna e del cristianesimo, che molti tra noi hanno frequentato o conosciuto e dal quale tutti abbiamo molto imparato.

    Laureatosi sia in Teologia sia in Lettere, fu discepolo di Domenico Mallardo, Paolo Brezzi, Ernesto Pontieri e Pio Paschini. Altrettanto significative furono le frequentazioni di studiosi insigni come Edmond Lamalle, Miquel Battlori, Hubert Jedin e Delio Cantimori, a cui in particolare rimase profondamente legato fino al 1966, anno della sua improvvisa scomparsa. Negli anni Sessanta fu Direttore della Scuola Vaticana di Biblioteconomia e scriptor latinus della Biblioteca Vaticana; poi guest of honour al Warburg and Courtauld Institutes; in seguito, professore ordinario di Storia moderna nell’Università di Salerno e, dal 1982, di Storia del Rinascimento, Storia del Cristianesimo e Storia moderna nell’Università di Napoli Federico II.

    Nel corso di sei lunghe decadi di densa produzione storiografica, Romeo De Maio ha percorso itinerari di ricerca poco frequentati o addirittura inesplorati; ha segnalato alla comunità scientifica documenti e manoscritti inediti, rari o peregrini; ha inciso profondamente sul rinnovamento della storiografia italiana e del suo lessico; è stato, inoltre, un punto di riferimento privilegiato per le storiografie di altri paesi, soprattutto di Spagna e Germania, in cui l’influsso della sua opera si fa sentire specialmente con un classico come Michelangelo e la Controriforma (Roma-Bari, Laterza, 1978).

    I funerali si terranno domani, 18 dicembre 2018, alle ore 11.00, nella basilica dell’Incoronata Madre del Buon Consiglio (Napoli).

    Stefano Zen

    Per ulteriori approfondimenti è diponibile on line un profilo della sua attività di storico:

    Stefano Zen, De Maio, Romeo, in Dizionario di eretici, dissidenti e inquisitori nel mondo mediterraneo, 2018 http://www.ereticopedia.org/romeo-de-maio

    Si rinvia al sito del centro di studi sorani dove si dà ampiamente la notizia della sua morte:

    http://www.centrodistudisorani.it/it/notizie/140-e-deceduto-questa-mattina-a-nap

    Ultimo aggiornamento Lunedì 17 Dicembre 2018 22:22
     
    << Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

    Pagina 1 di 15

    scuolanext per sito
     

    Amministazione trasparente
    amministrazione trasparente
     

    loghi pon 2014-2020 fse-fesr corto
     

    scuola viva
    II annualità
    a.s. 2017/2018
     

    scuola viva
    I annualità
    a.s. 2016/2017
     

    logo valutazione2
     

    Anno scolastico 2014.2015
     

    eventi

     

    eventi_culturali

     

    orari
     
     37 visitatori online

    Utenti in linea

    No

    Trinity

     

    Corsi PON

     

     

    loghi qualit 2014
     
    RocketTheme Joomla Templates

    Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner o cliccando sul tasto "Accetto" si permette il loro utilizzo. Per maggiori informazioni sui cookies e sulle modifiche alle impostazioni del browser per bloccarli, consultare la cookie policy.

    Accetto utilizzo dei cookies Chiudi il banner